The 9/11 Anniversary and What Didn’t Happen


undici-settembreSept. 11, 2010, the ninth anniversary of the 9/11 attacks, was a day of solemn ceremony, remembrance and reflection. It was also a time to consider the U.S. reaction to the attack nine years ago, including the national effort to destroy al Qaeda and other terrorist groups in order to prevent a repeat of the 9/11 attacks. Of course, part of the U.S. reaction to 9/11 was the decision to invade Afghanistan, and the 9/11 anniversary also provided a time to consider how the United States is now trying to end its Afghanistan campaign so that it can concentrate on more pressing matters elsewhere.

The run-up to the anniversary also saw what could have been an attempted terrorist attack in another Western country. On Sept. 10 in Denmark, a potential bombing was averted by the apparent accidental detonation of an improvised explosive device in a bathroom at a Copenhagen hotel. The Danish authorities have not released many details of the incident, but it appears that the suspect may have been intending to target the Danish Jyllands-Posten newspaper, which has been targeted in the past because it published cartoons featuring the Prophet Mohammed in 2005. Groups such as al Qaeda in the Arabian Peninsula (AQAP) have tried hard to ensure that the anger over the cartoon issue does not die down, and it apparently has not. It is important to note that even if the perpetrator had not botched it, the plot — at least as we understand it so far — appears to have involved a simple attack plan and would not have resulted in a spectacular act of terrorism.

Yet in spite of the failed attack in Denmark and all the 9/11 retrospection, perhaps the most interesting thing about the 9/11 anniversary in 2010, at least from an analytical perspective, was what did not happen. For the first time, the al Qaeda core leadership did not issue a flurry of slick, media-savvy statements to mark the anniversary of the 9/11 attacks. And the single statement they did release was not nearly as polished or pointed as past anniversary messages. This has caused us to pause, reflect and wonder if the al Qaeda leadership is losing its place at the ideological forefront of the jihadist cause.

Al Qaeda second-in-command Ayman al-Zawahiri in a video marking the 5th anniversary of the 9/11 attacks

 

A History of Anniversary Messages

When it comes to anniversaries, al Qaeda has not always seized upon them as opportunities for attacks, but it has long seen them as tempting propaganda opportunities. This first began in September 2002, when the group released numerous messages in a multitude of forms to coincide with the first anniversary of 9/11. These included a one-hour video titled “The Nineteen Martyrs,” referring to the 9/11 attackers; a book released by al-Ansar media telling the story of the 9/11 attacks; an audio tape from al Qaeda second-in-command Ayman al-Zawahiri; a statement from al Qaeda’s “Political Bureau”; and a statement from al Qaeda spokesman Sulaiman Abu Ghaith. Then, on Oct. 7, 2002, al Qaeda released a message from Osama bin Laden to the American people to commemorate the first anniversary of the U.S. invasion of Afghanistan.

Since 2002, other 9/11-anniversary messages from al Qaeda have included:

  • A September 2003 video of bin Laden and al-Zawahiri walking in the mountains and praising the 9/11 attackers, released via the Qatar-based Al Jazeera television network. As-Sahab, al Qaeda’s media wing, also released a video that contained Saeed al-Ghamdi’s martyrdom tape.
  • A September 2004 audio message from al-Zawahiri released on the same day as a bombing attack against the Australian Embassy in Jakarta, Indonesia.
  • A September 2005 video message in which Adam Gadahn, the American-born al Qaeda spokesman, came to the world’s attention threatening attacks against Los Angeles and Melbourne. Al-Zawahiri had released a video message on Sept. 1 that contained the martyrdom video of July 7 London bomb-plot leader Mohammad Sidique Khan.
  • A September 2006 video message in which Gadahn reappeared to commemorate the fifth anniversary of 9/11, this time in tandem with al-Zawahiri. As-Sahab then issued, on Sept. 7, a video message titled “Knowledge is for Acting Upon: The Manhattan Raid,” and on Sept. 11 an interview and question-and-answer session with al-Zawahiri. As-Sahab also released some undated and previously unreleased video footage of bin Laden and other high-ranking al Qaeda members planning the 9/11 attacks.
  • A September 2007 video, released by As-Sahab, showing bin Laden speaking and titled “The Solution.” This was followed by a video released on Sept. 11 that contained an audio statement by bin Laden and the martyrdom message of Abu Musab Waleed al-Shehri, one of the 9/11 operatives.
  • A September 2008 video, released by As-Sahab, showing al-Zawahiri criticizing Iran for helping the Americans in Afghanistan and Iraq. On Sept. 17, As-Sahab released a video titled “Results of 7 Years of the Crusades” and, on Sept. 19, it released another message from al-Zawahiri.
  • A September 2009 video, released by As-Sahab, that contained an audio recording and still photo of bin Laden intended to address the American people on the anniversary of the 9/11 attacks. As-Sahab also released a video by al-Zawahiri on Aug. 29 entitled “The Path of Doom.”
  • A September 2010 video, released by As-Sahab, that contained an audio recording and still photo of al-Zawahiri and was titled “A Victorious Ummah, a Broken Crusade: Nine Years after the Start of the Crusader Campaign.”

This history shows a steady decline in al Qaeda’s anniversary messaging in terms of quantity and production quality (clearly seen in comparing the al-Zawahiri audio message of 2010 with the al-Zawahiri video message of 2006). Another consideration is topical relevance. Al-Zawahiri’s 2010 message was actually rather bland, uninspiring and little more than a rehash of several points the group has made in the past. There were no stirring and inspirational calls to action, no new threats to the West, and no real meaningful discussion of the 9/11 anniversary beyond the message title.

While the recent 9/11 anniversary highlighted a declining trend in al Qaeda’s messaging, it has actually been going on since long before Sept. 11, 2010. It has been more than a year since a video appeared featuring a key al Qaeda leader (the last one, of al-Zawahiri, was released in August 2009).

 

Explaining the Lapse

Currently, there are very few people, all in the al Qaeda core leadership and their As-Sahab media wing, who know the true reason why the group has suffered such a decline in its propaganda efforts. There could be a number of possible explanations for the lapse. The first could be that the group is observing a period of radio silence in expectation of a large attack. This is certainly possible, and something we have heard analysts propose during al Qaeda quiet times. However, an examination of past patterns of al Qaeda communiques and attacks since 9/11 has not shown any type of correlation between times of silence and attacks. This is to be expected when most of the actors conducting attacks are either affiliated with the regional franchise groups or are grassroots operatives with no link to the al Qaeda core leadership. In fact, we have seen media releases by As-Sahab shortly before past attacks such as the March 2004 Madrid bombings and the July 2005 London attacks. As-Sahab was in the midst of a media blitz in the months leading up to the thwarted August 2006 Heathrow liquid-bomb plot, and it also released several statements in the weeks prior to the November 2008 Mumbai attacks.

In the past, hackers have used the occasion of the 9/11 anniversary to disrupt jihadist websites in an attempt to cripple al Qaeda’s ability to distribute its 9/11 anniversary statements. We saw this particularly in September 2008, in a hacking that resulted in some of the messages being delayed until Sept. 17 and Sept. 19. This year, however, there is no sign of that type of broad-based hacking campaign, and while some jihadist websites are down for a variety of reasons, many other jihadist websites continue to operate unabated, offering recent Ramadan and Eid ul-Fitr sermons and salutations.

It is also possible that the floods that have ravaged Pakistan this summer could have displaced the al Qaeda leadership or the As-Sahab crew. However, the floods began with the heavy monsoon rains in late July and the dearth of messages from the al Qaeda core leadership reaches back much further, with 2010 being an unusually quiet time for the group. Past anniversary messages have been produced weeks, and even months, before their release dates, so the As-Sahab multimedia crew should have had time to adjust to the flood conditions if that was truly the cause.

The best explanation for the decline in As-Sahab’s propaganda efforts may be the increase in the number of strikes by U.S. unmanned aerial vehicles (UAVs) inside Pakistan in areas along the Afghan border since August 2008. More than 1,000 people have been killed in such strikes, including a number senior al Qaeda members. A confluence of factors could be responsible for the decline, with floods and hackers posing additional problems for an organization on the run from U.S. airstrikes and trying to maintain a low profile. Even if the core al Qaeda leadership is living deeper in Pakistan and away from the threat of U.S. airstrikes, many lower-level al Qaeda members are operating in the border area and have certainly been impacted by the strikes.

 

An Eclipse?

It is important to view the decline in As-Sahab propaganda efforts in the larger context, specifically statements involving the core al Qaeda leadership, and then compare those statements to the messages released by the franchise groups, such as AQAP.

Over the past few years, STRATFOR has often discussed how the war against the jihadists is occurring on two planes, the physical battlefield and the ideological battlefield. We have also discussed how we believe that the al Qaeda core leadership has lost its place in recent years at the forefront of the physical battlefield and has instead focused its efforts largely on the ideological battlefield, where its role is to promote jihadism and inspire jihadist groups and individuals to conduct attacks.

This belief that the franchise groups are assuming leadership on the physical battlefield was supported by attacks in 2009 and early 2010 that were linked to groups such as AQAP and allied organizations like the Tehrik-i-Taliban Pakistan. Even the suspect in the June 2009 shootings in Little Rock, Ark., claimed to be part of “Abu Basir’s Army” and not bin Laden’s. (Abu Basir is the honorific name, or kunya, for Nasir al-Wahayshi, the current leader of AQAP.)

And it appears that the leadership provided by the franchise groups may not be confined to just the physical battlefield. As the core al Qaeda leadership continues to maintain a low profile, the leaders of groups like AQAP and figures such as Anwar al-Awlaki and Nasir al-Wahayshi have dramatically increased their profile and significance on the ideological battlefield. They have been the individuals leading the way in calling for grassroots jihadists to conduct simple attacks and in fanning the flames over issues such as the Mohammed cartoons. Even the al Qaeda core tried to jump on the AQAP bandwagon when spokesman Adam Gadahn echoed al-Wahayshi’s call for simple grassroots attacks and praised AQAP-inspired Fort Hood shooter Nidal Hasan as an example for all Muslims to follow. Indeed, it was interesting to watch the core al Qaeda group following the lead of a regional franchise rather than paving the way themselves.

Now, perhaps in a few days or a few weeks, As-Sahab will return to releasing a flurry of slick, high-quality messages as it has done in years past. Maybe fresh videos of bin Laden and al-Zawahiri will appear that will present new ideas, vault them back into prominence in jihadist discourse and motivate their intended audience to action. But we may be witnessing, instead, the eclipse of the al Qaeda core leadership on the ideological battlefield.

By Scott Stewart

The 9/11 Anniversary and What Didn’t Happen is republished with permission of STRATFOR.

Sono stato responsabile per gli attacchi avvenuti a New York e Washington l’11 settembre 2001


“Sono stato responsabile dalla A alla Z per gli attacchi avvenuti a New York e Washington l’11 settembre 2001”. Questa è la dichiarazione che Khalid Sheikh Mohammed, l’uomo sospettato di essere stato il numero tre di al Qaeda, ha rilasciato di fronte al tribunale militare incaricato di giudicare i detenuti di Guantànamo.
Durante la confessione, diffusa dal Pentagono mercoledì 14 marzo e pubblicata dal New York Timesil giorno successivo, Khalid avrebbe ammesso le responsabilità  di altri 30 imputati, tutti coinvolti negli attacchi terroristici da lui stesso organizzati. In un inglese stentato, Khalid ha detto di non essere felice della morte di tremila americani e ha dichiarato il suo dispiacere per scomparsa di ragazzi e bambini ma nella guerra, ha aggiunto, ci sono sempre delle vittime. Nella confessione, trascritta su 26 pagine, il terrorista catturato nel marzo 2003 in Pakistan ammette altri attentati, tra cui l’attacco dinamitardo al nightclub di Bali e il tentativo di far esplodere due aerei americani con l’uso di dinamite nascosta nelle scarpe. Khalid a inoltre confermato i sospetti delle autorità  americani, e cioè di essere membro di al Qaeda, capo operativo del gruppo terroristico di Osama bin Laden per le azioni all’estero e di aver pianificato e seguito personalmente l’esecuzione degli attentati dell’11 settembre.

Khalid Sheikh Mohammed

Khalid Sceicco Mohammed che bella faccia rassicurante, vero?

Tra le intenzioni della cellula americana di al Qaeda, sarebbe stato progettato l’assassinio dell’ex presidente Usa Jimmy Carter e l’attacco al ponte sospeso di New York. Al termine della ammissione di colpevolezza, Khalid avrebbe rivelato 31 attacchi tra cui: quelli alle navi americane avvenuti ad Hormuz, Gibiltera e Singapore; il fallito attentato dell’ex presidente Clinton; i pianificati attentati allo stretto di Panama, al Big Ben di Londra e all’aeroporto di Heathrow.
Nella stessa sessione, il tribunale militare ha inoltre interrogato un altro terrorista sospettato di essere stato ai vertici di al Qaeda, Abi Faraj al Libi, che, asserendo di essere trattenuto da due anni senza ragione, si è rifiutato di rispondere. Ora le autorità  indagheranno sulla confessione rilasciata da Khalid, anche se non è ancora chiaro perché il prigioniero abbia ammesso le responsabilità  di altri 30 terroristi. Khalid, dopo essere stato arrestato dal Fbi durante un’operazione a Rawalpind, in Pakistan, è stato tenuto per lungo tempo in custodia dalla Cia, accusata di aver inflitto torture al detenuto durante gli interrogatori, cosa comunque ammessa dalla legge americana in casi di minaccia alla nazione. La posizione dell’amministrazione Bush, che aveva puntato sulla lotta al terrorismo e sul progetto Guantà namo, esce rafforzata dalla confessione del terrorista internazionale e anche se le procedure di arresto e di detenzione dei sospettati terroristi sono state più volte criticate dalle organizzazioni per i diritti umani, nel tempo si è dimostrata una strategia vincente.

Questa non è una guerra contro il terrore è una lotta contro i nemici dell’America


musulmani in preghiera

musulmani in preghiera

Al tempo in cui mi occupavo dell’occupazione russa dell’afganistan, scendevo a volte per Jalabad e attraversavo il confine con il Pakistan per trovare un po’ di riposo a Peshawar. Negli ambienti cupi e sporchi del vecchio Hotel Intercontinental battevo le mie storie su un telex sofferente accanto ad un ufficio che recava sulla porta la scritta “Capo Contabile”. Sul muro vicino alla porta — non so se fosse stato il capo contabile ad apporlo — c’era un foglio di carta incorniciato che riportava quattro versi di Kipling che ricordo ancora: una scaramuccia ad un posto di frontiera / una galoppata in uno passo stretto / cinquemila sterline di istruzione abbattute da un fucile da cinque rupie. Oppure, suppongo oggi, da un kalashnikov AK-47, prodotto a Quetta, oppure da uno di quei missili Blowpipe che abbiamo consegnato ai mujahedin con tanto trasporto all’inizio degli anni ’80 affinchè potessero uccidere i loro — e nostri — nemici, i Russi. Ma ho pensato più a lungo ai nascondigli, alle gole e alle montagne soprastanti, alle muraglie di roccia nuda alte 1500 metri, alle caverne e ai tunnel immensi che Osama bin Laden ha scavato in queste montagne. Qui, presumibilmente, si trovano i “buchi” dai quali l’Occidente vuole stanarlo “con il fumo”, sempre ammesso che sia stato abbastanza gentile da scappare a nascondervisi. Giacchè esiste un parere sempre più diffuso–fondato sulla nostra retorica–che bin Laden ed i suoi uomini siano in fuga, alla ricerca di posti in cui nascondersi. Non ne sono così sicuro. Sono pieno di incertezze su ciò che bin Laden possa star facendo ora. In realtà non sono affatto sicuro di ciò che noi — l’Occidente — stiamo per fare. è vero, i nostri cacciatorpedinieri e le nostre portaerei e i nostri caccia e bombardieri e le truppe si stanno ammassando nella vasta regione del Golfo. I nostri ragazzi del SAS — così dicono in Medio Oriente — stanno già arrampicandosi nelle regioni nord dell’Afganistan, ancora sotto il controllo delle forze dell’ultimo Shah Mosud. Ma cosa stiamo progettando di fare esattamente? Rapire bin Laden? Abbatterci sui suoi accampamenti e ucciderli in blocco, bin Laden e tutti i suoi algerini, egiziani, giordani, siriani e arabi del golfo? O forse bin Laden è solo il primo capitolo della nostra nuova avventura medio-orientale, che si allargherà dopo ad includere l’Iraq, il rovesciamento di Saddam Hussein, la distruzione degli Hezbollah libanesi, l’umiliazione della Siria, la mortificazione dell’Iran, la reimposizione di un altro fraudolento “processo di pace” tra Israele ed i Palestinesi? Se tutto ciò vi sembra il frutto di una fervida fantasia, dovreste ascoltare ciò che proviene da Washington e Tel Aviv. Mentre le fonti interne al Pentagono di The New York Times lasciano intendere che Saddam potrebbe essere il capitolo due, gli Israeliani stanno cercando di mettere in lista il Libano — il “centro del terrore internazionale” secondo il primo ministro israeliano Ariel Sharon — per un bombardamento o due, assieme alla piccola striscia di spazzatura di Yasser Arafat laggiù a Gaza dove gli Israeliani hanno scoperto, incredibile a dirsi, una “celluna bin Laden”. Gli Arabi chiaramente vorrebbero egualmente porre fine al terrore nel mondo. Ma preferirebbero altri nomi sulla lista. Ai Palestinesi piacerebbe vedere Sharon catturato per il massacro di Sabra e Chatila, un massacro terrorista condotto dagli alleati libanesi di Israele–che erano stati addestrati dall’esercito israeliano–nel 1982. Con 1800 morti arriva solo ad un quarto del numero delle vittime dell’11 settembre. I Siriani di Hama vorrebbero porre Rifaat Al-Assad, fratello dell’ultimo presidente, sulla loro lista di terroristi per la strage condotta dalle sue Brigate di Difesa nella città di Hama quello stesso anno. Con 20.000 morti è più del doppio del dazio dell’11 settembre. I libanesi vorrebbero processi per gli ufficiali israeliani che progettarono l’invasione del Libano nel 1982, che uccise 17500 persone, la maggior parte civili–di nuovo, ben più del doppio del dato dell’11 settembre. I cristiani del Sudan vorrebbero che il presidente Omar al-Bashir fosse portato in tribunale per strage. Ma come gli Americani hanno chiarito, è solo alla caccia dei loro nemici terroristi che vanno, non dei loro amici terroristi o di quei terroristi che hanno di continuo macellato popolazioni al di fuori della “sfera di interesse” americana. Finanche quei terroristi che vivono comodamente in USA ma non hanno fatto del male agli USA sono al sicuro: prendiamo per esempio il miliziano pro-Israele che uccise due soldati irlandesi dell’ONU nel sud del Libano nel 1980 e che ora vive tranquillo a Detroit dopo essere fuggito da Tel Aviv. Gli irlandesi hanno il nome e l’indirizzo, se ma l’FBI fosse interessata — ma chiaramente non lo è. Per questo non ci viene realmente chiesto di combattere il “terrore del mondo”. Ci viene chiesto di combattere i nemici dell’America. Se ciò significasse ingabbiare gli assassini che si celano dietro le atrocità di New York e Washington, pochi avrebbero da ridire. Ma solleverebbe la questione del perchè queste migliaia di innocenti sono più importanti–perchè meritino di più il nostro sforzo e forse il nostro sangue– che tutte le altre migliaia di innocenti. E solleva anche una domanda molto più scomoda: se ai crimini contro l’umanità commessi negli USA l’11 settembre debba essere fatta corrispondere giustizia o no — o piuttosto un assalto militare inteso ad estendere il potere politico americano nel Medio Oriente. Ad ogni modo, ci viene chiesto di sostenere una guerra i cui fini sembrano essere tanto fuorvianti quanto nascosti. Gli Americani ci dicono che questa guerra sarà diversa da tutte le altre. Ma una di queste differenze pare essere il fatto che non sappiamo chi stiamo andando a combattere e per quanto tempo. Certamente nessuna nuova iniziativa politica, nessun vero impegno politico reale a favore del Medio Oriente, nessuna giustizia neutrale sarà parte probabile di questo conflitto di durata indefinita. La disperazione e l’umiliazione e la sofferenza dei popoli del Medio Oriente non figurano tra gli obiettivi della nostra guera–solo la disperazione e l’umiliazione e la sofferenza di americani ed europei. Per quanto concerne bin Laden, nessuno crede che i Talebani davvero non sappiano dove si trovi. è in Afganistan. Ma è veramente finito a terra? Durante la guerra russa, emergeva ogni volta per combattere gli occupanti russi dell’Afganistan, per attaccare la seconda superpotenza mondiale. Ferito sei volte, era un maestro delle imboscate tattiche, come i russi scoprirono a loro spese. Il male e la cattiveria non si avvicinano alla descrizione del massacro di massa degli USA, ma — se fosse stato davvero un lavoro di bin Laden — ciò non significa che non ricomincerebbe di nuovo a combattere. E combattere sul terreno di casa. Ci sono tantissimi nascondigli oscuri in cui infilarsi. E tanti fucili a basso costo per spararci. E questa non sarebbe affatto “un nuovo tipo di guerra”.

The Independent 25 settembre 2001 Robert Fisk.

Al Zawahiri: “Fate attentati come negli Usa”


Dal Corriere  04 marzo 2006

Le vignette satiriche sul profeta Maometto fanno parte di una campagna organizzata dagli Stati Uniti. Lo sostiene il numero due di Al Qaeda, Ayman al Zawahiri, in una registrazione audio comparsa su un sito internet usato da gruppi islamici integralisti. Una voce attribuita al medico egiziano, stretto collaboratore di Osama Bin Laden, afferma poi che «un esempio dell'odio dei crociati guidati dall'America sono le ripetute offese contro il profeta Mohammad, che la pace sia con lui»

Zawahiri ha invitato a boicottare i Paesi in cui sono avvenute le offese sacrileghe, la Danimarca in primis, ma anche Norvegia, Francia e Germania. E si è appellato ai militanti islamici in tutto il mondo affinché compiano attacchi sul modello di quelli negli Stati Uniti, a Madrid e a Londra. Il medico ha inoltre esortato il mondo islamico ad evitare che gli occidentali continuino a «rubare» il petrolio dei musulmani.

Poi un'esortazione ai leader di Hamas, vincitori delle ultime elezioni politiche in Palestina: «continuare la lotta armata» e non accettare di partecipare alle trattative per un piano di pace con Israele. «Aver raggiunto il potere non è di per sè un traguardo… e nessun palestinese ha il diritto di cedere un solo granello di terra», afferma Zawahri, aqgiungendo che «i laici dell'Autorità palestinese hanno venduto la Palestina in cambio di qualche briciola».
Dal mio punto di vista questa dichiarazione fà il paio e conferma quello che dichiara Magdi Allam

Il Rapporto Harmony


Il Combating Terrorism Center di West Point, ha recentemente reso pubblico un rapporto dal titolo, Harmony and Disharmony: Exploiting Al-Qa'ida's Organizational Vulnerabilities, in cui vengono declassificati 28 documenti provenienti dal database del Dipartimento della Difesa noto con il nome di «Harmony». Questo rapporto si basa su una raccolta di documenti di AlQaeda, ritrovati dagli Usa e dagli alleati nel corso delle operazioni antiterrorismo portate avanti nello scenario globale della guerra al terrorismo. Il Combating Terrorism Center ha sede presso l'Accademia Militare degli Stati Uniti di West Point. Creato nel febbraio 2004, il Centro è stato coinvolto attivamente nella Guerra Globale al Terrorismo attraverso un'accurata opera di educazione ed analisi politica. E' attualmente presieduto dall'ex-Generale Wayne A. Downing. Il rapporto in oggetto si propone di analizzare le potenziali vulnerabilità di Al Qaeda ed i conflitti di interesse interni all'organizzazione, per poter indirizzare gli sforzi antiterroristici degli Usa. Presenta altresì lo studio di un caso di fallimento della Jihad: quello della Siria, dove i Fratelli Musulmani e l'Avanguardia Combattente fallirono nella loro prima Jihad negli anni 1976-1982. Questo capitolo è davvero interessante, lo si trova nella prima parte del rapporto e merita di essere letto. Dal fallimento in Siria, Al Qaeda imparò una lezione che non dimenticò. Allora c'era stato un fallimento a livello di organizzazione e gli elementi dell'insuccesso furono diversi: mancanza di comunicazioni sicure, struttura militare inefficiente, dipendenza da aiuti esterni, eccessiva brevità dell'addestramento nei campi, mancanza di una adeguata campagna di comunicazione. Come si vede, Al Qaeda ha cercato di dotarsi di tutti gli strumenti encessari per evitare il fallimento, creando una rete militare, economica e mediatica. Mentre la prima parte del Rapporto delinea la struttura, l'organizzazione di Al Qaeda e dei gruppi terroristici ad essa legati, per prevedere la loro strategia futura; la seconda contiene I documenti declassificati cui abbiamo già fatto cenno. Essi vengono pubblicati nella versione originale in lingua araba e nella traduzione inglese. Il primo documento, AFGP-2002-000078, dal titolo Obiettivi e struttura di Al Qaeda, spiega che essa consta di diversi comitati: militare, politico, informativo e amministrativo-finanziario. Ogni comitato è diviso in sezioni ed ogni posizione all'interno del comitato deve rispondere a specifici requisiti. Il comitato militare ha 5 divisioni: presidente, sezione addestramento, sezione operazioni, sezione armi nucleari, sezione biblioteca e ricerca. I requisiti per il presidente sono: conoscenza della legge islamica, esperienza di operazioni militari, formazione universitaria, preferibilmente accademia militare, 30 anni d'età. I supervisori delle altre sezioni devono poter vantare: due anni di servizio nella Jihad, appropriata conoscenza scientifica, 25 anni d'età, licenza di scuola media superiore, conoscenza delle scienze militari, sapienza, sobrietà e attitudine alla disiplina militare. Se non si trattasse di argomenti tragicamente seri, verrebbe da sorridere: sembrano bandi di concorso. Per il capo del comitato politico è richiesto anche che abbia una buona conoscenza della lingua inglese, affabilità, correttezza nelle opinioni, capacità di pianificare e che sia brillante e intelligente. Seguono analoghe istruzioni per gli altri comitati. Purtroppo il documento si interrompe bruscamente, come se fosse non terminato o mancante delle altre pagine. Il secondo documento declassificato del database Harmony è il AFGP-2002-000080 si intitola Organizzazione interna e descrive gli obiettivi e la struttura organizzati di Al Quaeda. Gli obiettivi principali sono «stabilire la verità, liberarsi del male e fondare una Nazione Islamica». Nei rapporti con gruppi musulmani non-Jihadisti «l'obiettivo è di sviluppare relazioni di amicizia e amore allo scopo di prendere il bene e correggere gli errori». Come dire, far capire a tutti che è necessaria la Jihad. «Al Qaeda cerca di eliminare regionalismi e tribalismi e di portare tutti i musulmani alla Jihad. I musulmani devono essere agitati in modo che possano servire da "combustibile per la battaglia"». La posizione di Al Qaeda verso «i dittatori della terra e i gruppi secolari» è che «ci sono innocenti e non credenti tra di loro e che l'ostilità deve continuare finchè ognuno creda in Allah». Bel programma, vero? Non andiamo oltre, perchè il materiale è veramente tanto e molto denso, mentre lo spazio è poco. Consigliamo però di continuare la lettura, perché si tratta di interessantissimi documenti originali, comprese lettere di Bin Laden. Ovviamente ne auspichiamo la traduzione in lingua italiana. Rita Bettaglio bettaglio@ragionpolitica.it

Le armi di distruzione di massa di Saddam?


Iraq's WMD Secreted in Syria, Sada Says

BY IRA STOLL – Staff Reporter of the Sun
January 26, 2006
URL: http://www.nysun.com/pf.php?id=26514

The man who served as the no. 2 official in Saddam Hussein's air force says Iraq moved weapons of mass destruction into Syria before the war by loading the weapons into civilian aircraft in which the passenger seats were removed.

The Iraqi general, Georges Sada, makes the charges in a new book, "Saddam's Secrets," released this week. He detailed the transfers in an interview yesterday with The New York Sun.

"There are weapons of mass destruction gone out from Iraq to Syria, and they must be found and returned to safe hands," Mr. Sada said. "I am confident they were taken over."

Mr. Sada's comments come just more than a month after Israel's top general during Operation Iraqi Freedom, Moshe Yaalon, told the Sun that Saddam "transferred the chemical agents from Iraq to Syria."

Continua a leggere dall'URL

Come muore un Italiano


  • A Bin Laden, ad Al-Zarquawi, alla cricca estremista che insozza il nome di Allah con i propri laidi proclami: vi faccio vedere come muore un italiano.
  • Ai terroristi di tutto il mondo, di qualunque parte politica, fogna umana da sterminare come un branco di ratti: vi faccio vedere come muore un italiano.
  • A Prodi, Fassino, Bertinotti, Cossutta, Pecoraro ed agli altri “leader” di sinistra: vi faccio vedere come muore un italiano.
  • Ai noglobal in piazza a bivaccare nulla facendo, pronti a distruggere città ed a prendersela con le forze dell’ordine: vi faccio vedere come muore un italiano.
  • Agli animali che lo hanno definito a suo tempo “noglobal”: vi faccio vedere come muore un italiano.

Fabrizio Quattrocchi